Articoli

Gioielli Namarie, i sogni son desideri

Se c’è un brand nel panorama Italiano della Gioielleria nella fascia lusso low-cost che trae ispirazione dai sogni e dai desideri, questo è Namarie.

Gioielli Namarie

La giovane stilista che disegna le collezioni, sa come compenetrare l’animo umano e coglie le sfumature di ogni piccolo anelito di soddisfazione che possa allietare la vita.

“I gioielli delle Fate” e “L’Africa dentro” costituiscono solo la punta dell’iceberg del progetto che gravita attorno a Namarie.

Il problema più difficile da sormontare è, infatti quello della reperibilità degli esemplari.

Quasi totalmente venduti in fase di prenotazione o di presentazione, si attende per le nuove linee una distribuzione selettiva che dovrebbe partire non prima di giugno.

Tutti gli esemplari sono costruiti manualmente con la perizia dell’artigianato italiano, unendo in alcuni casi la tradizione o un sentimento extra-nazionale per dichiarare l’assoluta universalità del progetto, perchè è vero che i sentimenti non hanno confini.

Attualmente sul mercato sono reperibili soltanto gli ultimi bracciali Dogon, che prendono il nome dall’etnia del Mali definita “il popolo delle stelle”.

I Dogon sono infatti un’antichissima e aristocratica tribù nomade che ritiene essere atterrata secoli orsono sul nostro pianeta, proveniente dal cosmo.

Nei secoli hanno sviluppato una forte spiritualità.

I manufatti che caratterizzano i bracciali sono soggetti realizzati in cera persa con la tecnica maliena del secolo scorso e dispongono di una garanzia di originalità.

Ogni esemplare di Namarie non può essere identico ad un altro.

Possiamo osservare i pochi pezzi ancora disponibili sul mercato presso la Gioielleria Cannolettain attesa di osservare le nuovissime e molto accattivanti realizzazioni previste per l’estate.

Dal Mali la nuova ispirazione di Namarie.

Si chiama “L’Africa dentro” la nuova collezione di Namarie, l’ispirata maison Italiana che sta lanciando sul mercato gioielli in grado di esprimere significati e sentimenti.

Il protagonista della Collezione è il Continente nero, con i suoi colori, la sua Storia e le tradizioni.

Gioielli Namarie Collezione L'africa dentro

I bracciali che inaugurano la linea, sono caratterizzati da un soggetto effettivamente proveniente dal Mali, e precisamente lavorati seguendo una tecnica tri-centenaria dagli artigiani appartenenti  all’etnia Dogon, il “Popolo delle Stelle”, i cui membri ritengono che i loro avi provengano dallo Spazio profondo.

Il motivo ornamentale è assolutamente originale e raro da reperire, ottenuto in fusione di bronzo in cera persa, e quindi diffrente uno dall’altro, pur mantenendo un’estetica simile.

Per rispettare la filosofia del gioiello e le sue origini, il bracciale è in corda o pelle, a scelta, e dei colori più disparati, tra i quali spiccano quelli classici dell’Africa: nero, giallo, rosso e verde.

Se i bracciali sono rivolti sia a uomo che a donna, la linea “Perle degli Alisei” prevede esclusivamente, al momento orecchini per signore.

Anche qui il significato è importante e vale la pena conoscerlo.

I pendenti sono composti dalle famose e originali perle veneziane in pasta di vetro prodotte nel 1700 e trasferite in Africa dai mercanti veneziani dell’epoca come merce di scambio con gli indigeni.

Oggi le perle “millefiori”, così si chiamano prendendo spunto dalla tecnica di lavorazione, sono ambita merce di importazione dall’Africa.

Alcune di esse, le più piccole e solo apparentemente insignificanti, sono definite “Perle degli Alisei”, perchè peculiari di carovane nomadi autoctone che seguivano le rotte dei venti alisei.

La collezione prevede l’utilizzo di perle esclusivamente prodotte nel XVIII secolo, anche se la loro produzione è proseguita fino al secolo successivo.

Non mancano le personalizzazioni che possono essere chieste direttamente alla stilista attraverso i pochi e selezionati concessionari.

Namarie, infatti dispone di una rete di vendita estremamente selettiva, privilegiando le migliori gioiellerie.

E’ infatti allo studio una linea in argento e un’altra in alta gioielleria sul cui sviluppo si mantiene un discreto e rigoroso silenzio.

I prezzi sono assolutamente in linea con la nuova tendenza di lusso low cost, e costituiscono una piacevole sorpresa.