Boccadamo gioielli, trend in crescita e risultati incoraggianti dalle campagne pubblicitarie

Durante la cerimonia di consegna della targa per i 50 anni di Tonino Boccadamo, questa estate si è svolta anche la consueta riunione generale di Boccadamo Gioielli.
Si tratta del terzo appuntamento annuale programmato in concomitanza della presentazione e del lancio delle collezioni Autunno/Inverno 2010 per i brand Boccadamo Jewels e MYA.

Un’occasione anche per fare il punto sul lavoro svolto da ciascun reparto, condividere assieme successi e obiettivi da perseguire ed affrontare.
Alla riunione, presieduta da Tonino Boccadamo, era presente l’intera forza vendita rappresentata dagli agenti di tutte le aree d’Italia.

Interessante il bilancio: dal successo della sponsorizzazione della trasmissione televisiva Velone, in onda su Canale 5, durata una settimana e nella quale si sono registrati ottimi risultati di share e contemporaneamente anche significativi aumenti di visite al sito internet e al blog Boccadamo, ai risultati positivi del settore Pubbliche Relazioni.

Il contatto con la showgirl Alessia Mancini, in occasione delle telepromozioni per Velone, ha portato ad un’ulteriore visibilità per i prodotti della maison: la Mancini ha infatti indossato più volte le creazioni Boccadamo durante alcune televendite di altre azienda andate in onda sulle reti Mediaset.
Incoraggianti anche i risultati esposti dal direttore commerciale, Giuseppe Martini, il quale ha illustrato gli enormi successi ottenuti dal brand Mya, linea che ha registrato significativi incrementi di mercato.

Risultati positivi nel complesso ci sono stati anche per i tre brand che hanno guadagnato, in termini di vendite, oltre il 12% rispetto all’anno precedente.

Fabio Dell'Orto
2 commenti
  1. Serena
    Serena dice:

    Salve, mi hanno regalato un gioiello di questa azienda e mi piacerebbe poterne acquistare altri. Qualcuno saprebbe indicarmi un negozio nei pressi di Perugia (referibilmente zona Lago Trasimeno)? Grazie.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *