« | Home | »

Breguet gioielli d’alta moda protagonisti a Baselworld 2010

Autore: Fabio Dell'Orto | 8 aprile 2010

Tra le novità che il marchio di alta gioielleria Breguet ha presentato a Baselworld 2010 vi sono alcune collezioni che non passano certo inosservate.
A cominciare da Crazy Flower, che è composta da una parure eccezionale quanto a manifattura e preziosità, che comprende anche un orologio particolarmente sofisticato e abbellito da diamanti.

Gioielli Breguet

La parure di gioielli è formata da un anello che riprende il motivo del fiore che sboccia, da un ciondolo e da orecchini in cui i grappoli di diamanti oscillano grazie all’incastonatura mobile.

Un nuovo anello viene anche ad arricchire la parure PAVILLON DE LA REINE.

Nel ricordo del «Domaine» privato di Maria Antonietta, che amava passeggiare lungo i viali rigorosamente tracciati del Giardino francese o perdersi nell’intrico fantasioso del Giardino inglese, una bellezza regale caratterizza questo gioiello, che possiede insieme la sontuosità di una parure del Settecento e l’originalità asimmetrica di un gioiello contemporaneo.

Nel nuovo anello i diamanti taglio brillante si alternano tra incastonature classiche e le graffe che rinserrano un sublime diamante taglio “poire” di 1.5 carati.

Un’altra novità di questo 2010 è la collezione PETIT TRIANON – JOAILLERIE FINE.

Essa reinterpreta con grande semplicità il tema sobrio e regale a un tempo del Petit Trianon e rende omaggio al restauro – finanziato da Breguet – del piccolo Château di Maria Antonietta a Versailles.

Questa nuova linea di Joaillerie Fine comprende un anello, degli orecchini, un bracciale a catena e un ciondolo, tutti composti da un motivo ornamentale impreziosito da un diamante taglio princesse, che ricorda l’attaccamento della Regina di Francia al Petit Trianon.

Tags:

Categoria: Marchi Di Gioielleria | Nessun Commento »

:Breguet gioielli d’alta moda protagonisti a Baselworld 2010 :Breguet gioielli d’alta moda protagonisti a Baselworld 2010 :Breguet gioielli d’alta moda protagonisti a Baselworld 2010

Commenti