« | Home | »

Emanuele Cannoletta al Fresh Metal 2013

Autore: Enrico | 13 agosto 2013

Significativa presenza di Emanuele Cannoletta al Fresh Metal 2013, con una realizzazione di rara creatività che ha riscosso notevoli consensi e l’attenzione degli organizzatori, i quali hanno voluto complimentarsi personalmente con l’orafo Italiano.

Il gioiello, un paio di polsini che ricalcano la nuova tendenza di interpretazione, la quale vuole i gemelli non più identici ma spaiati, consiste in uno “Smoker’s Survivor Kit” e possono essere ammirati in questo video realizzato dagli organizzatori. Il filmato partirà cliccando sull’immagine.

Uno dei due gemelli funge da distributore che contiene un rotolino di cartina comunemente disponibie in commercio, dal quale si può ricavare il necessario per la sigaretta. L’altro invece è in effetti un contenitore per i filtri.

Nonostante la funzione estremamente pratica, Emanuele è riuscito a rendere il gioiello molto elegante e moderno, con una forma sinuosa e molto accattivante.

I gemelli “non gemelli”, ovvero differenti l’uno dall’altro, costituiscono una grande difficoltà per il progettista, il quale deve salvaguardare comunque l’attinenza di forma e concetto costruttivo tra uno e l’altro, in modo che la differenza tra i due sia esteticamente accettabile e che venga conservato un filo conduttore che li unisca.

Tecnicamente poi, la difficoltà consiste nel rendere fattibile e reale l’idea astratta del designer (che nel caso di questo gioiello coincide con l’orafo), in un gioiello che rispecchi sia l’identità del progettista, che i canoni comuni della portabilità.

Emanuele, 26 anni e una laurea in Architettura conseguita a Genova con Specializzazione ottenuta a Barcellona, è uno dei 3 orafi Italiani attualmente impegnati nel corso del secondo anno dell’Accademia delle Arti Orafe di Firenze, la Scuola Internazionale che contribuisce a garantire continuità alla professione orafa, ed è frequentata da alunni provenienti da tutti i Paesi del Mondo.

Quella dell’Orafo è una delle professioni di cui in Italia si sta perdendo la tradizione, pur essendo ancora oggi il nostro Paese quello più considerato come creatività e capacità di realizzazione.

Purtroppo sono sempre meno i giovani che vi si dedicano con serietà e costanza, ma soprattutto raggiungendo anche una preparazione accademica, ormai indispensabile per la complessità di realizzazione delle nuove leghe e il conseguente loro trattamento.

L’Accademia delle Arti Orafe di Firenze svolge quindi un’opera di conservazione importantissima delle nostre tradizioni, che risalgono addirittura al XII secolo e che hanno visto l’affermazione di quello che viene considerato il più abile Orafo di tutti i tempi: Benvenuto Cellini.

Con questa realizzazione Emanuele, come già anticipato, ha suscitato la curiosità ed il consenso di organizzatori e visitatori, ricevendo pubblicamente molti complimenti e il pronostico di una fortunata carriera.

L’orafo Sanremese, che sta acquisendo una maturità a 360° con perfezionamenti nell’arte dell’incisione, dell’incassatura, nel taglio delle gemme e nelle tecniche di realizzazione più elaborat, era già assurto alla ribalta delle cronache di settore qualche mese orsono, con la sua specializzazione nel Mokume Gane, la difficilissima tecnica giapponese già adottata nel medioevo dagli orafi nipponici che lavoravano anche sulle preziose katane dei Samurai, e che viene ottimizzata da pochissimi orafi al mondo. Su questo argomento su Emanuele si erano concentrate le telecamere televisive del canale specializzato del settore TVA Vicenza – Sky 832.

Il giovane Cannoletta ha in progetto, terminando gli studi, di proseguire l’attività nell’azienda di famiglia, ovvero presso Cannoletta Antica Gioielleria, con creazioni proprie nell’ambito della Gioielleria e nel supporto alla clientela.

Categoria: Il Laboratorio di Enrico | Nessun Commento »

:Emanuele Cannoletta al Fresh Metal 2013 :Emanuele Cannoletta al Fresh Metal 2013 :Emanuele Cannoletta al Fresh Metal 2013

Commenti