« | Home | »

I gioielli di San Gennaro in mostra per la prima volta nella storia a Napoli

Autore: Fabio Dell'Orto | 22 febbraio 2011

Una mostra unica e allestita per la prima volta nella storia è in programma per il mese di aprile a Napoli: si tratta delle opere più prestigiose del leggendario tesoro di San Gennaro.
Si intitola “Le Meraviglie del Tesoro di San Gennaro. Le pietre della Devozione” e si terrà, in sette differenti strutture museali nel centro storico di Napoli dall’8 aprile al 12 giugno 2011.

Si tratta di un evento di grande impatto: il tesoro del patrono di Napoli, infatti, è il più importante al mondo per valore artistico ed economico, superiore come ricchezza al tesoro della Corona d’Inghilterra e a quello dello Zar di Russia.
Va ricordato che l’importanza del tesoro di San Gennaro è determinata dal fatto che è intatto, perché non sono mai state finanziate guerre da nessun sovrano che abbia dominato a Napoli, non ha mai subito spoliazioni e non è stato mai intaccato da un furto. Tutto ciò lo rende il tesoro più importante al mondo, coi suoi 21.720 capolavori.

Un’indagine portata avanti per ben tre anni da un’équipe di gemmologi e storici sui 10 gioielli più preziosi fra tutti quelli donati al santo nell’arco di sette secoli, ha portato alla certificazione che il tesoro di San Gennaro è il più importante al mondo.

Gli esperti hanno preferito non fornire alcuna stima delle opere, trattandosi di valori “inestimabili”, insomma, da capogiro. Ci sono già richieste per portare la mostra a Roma nel 2012, ma ad aprile sarà naturalmente Napoli il palcoscenico dell’evento.

La mostra è organizzata dal Museo del Tesoro di San Gennaro con la collaborazione della Sovrintendenza del Polo Museale di Napoli e con l’alto Patronato del Capo dello Stato e della Presidenza del Senato. E vuole essere anche un’occasione di riscatto per la città di Napoli, promuovendo e valorizzando il più importante patrimonio artistico e culturale del mondo.

Tra i dieci gioielli esposti nelle sale del Museo del Tesoro segnaliamo la Collana in oro, argento e pietre preziose di Michele Dato del 1679, la Croce in argento e coralli del 1707 dono della famiglia Spera, la Mitra in oro rubini, smeraldi e brillanti realizzata dall’orafo Matteo Treglia nel 1713 e commissionata anch’essa dalla Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro per il Busto Reliquiario del Santo, il Calice in oro, rubini, smeraldi, brillanti commissionato da Ferdinando di Borbone nel 1761, l’Ostensorio in argento e rubini (1808) donato al santo patrono da Gioacchino Murat al suo arrivo in città su suggerimento di Napoleone, la Pisside gemmata in oro, rubini, zaffiri, smeraldi e brillanti donata da Re Ferdinando II nel 1831, l’Ostensorio di Maria Teresa d’Austria del 1837, il Calice in oro zecchino donato da Papa Pio IX nel 1849, la Croce episcopale in oro, smeraldi e brillanti, donata da Re Umberto I e Margherita di Savoia nel 1878 nella prima visita a Napoli dopo la loro assunzione al trono, la Pisside in oro corallo e malachite donata da Umberto di Savoia nel 1931.

Categoria: Eventi | Nessun Commento »

:I gioielli di San Gennaro in mostra per la prima volta nella storia a Napoli :I gioielli di San Gennaro in mostra per la prima volta nella storia a Napoli :I gioielli di San Gennaro in mostra per la prima volta nella storia a Napoli

Commenti