« | Home | »

I Diamanti venuti dalle Stelle.

Autore: Fabio Dell'Orto | 19 luglio 2013

Da “IL SIGNORE DEI DIAMANTI” di Francesco Toti.

 

Non ci rimane a questo punto che approfondire meglio le teorie relative all’emersione di questi cristalli di diamante.

Alcune di queste teorie pur prendendo origine da fragili spunti comprovati scientificamente hanno una valenza tale da renderle credibili, mentre altre non sono che supposizioni fantascientifiche prive di alcun riscontro.

La più nota fra queste teorie afferma che gli imbuti di kimberlite presenti in Africa ed in Sud America si sarebbero formati in età cretacica ed esattamente tra 70 e 150 milioni di anni fa.

Tale periodo coincide con l’inizio della “deriva dei continenti” grazie alla quale Africa e Sud America si sono staccati dando luogo alla formazione dell’Oceano Atlantico.

Si è potuto osservare che la kimberlite si trova concentrata in alcune aree e che più si trova vicina alla grande frattura medio oceanica, più risulta povera di diamanti, mentre più ne è lontana, e quindi in zone dei continenti dove lo spessore della crosta terrestre è maggiore, più ne risulta ricca.

Con la determinazione dell’età del terreno si è potuto dimostrare che il cuore di questi continenti è formato da rocce che a volte raggiungono un’età di 3,5 milardi di anni, ritornando così ad affermare che i diamanti si sono formati nei Cratoni Stabili Archeani che risalgono appunto a tale epoca.

Si è potuto così anche dimostrare che le violente eruzioni vulcaniche che diedero origine alla kimberlite derivano proprio dagli sconvolgimenti  geologici in seguito ai quali si formò l’Oceano Atlantico.

Ed è proprio nei cratoni stabili che si registrano gli spessori  (200 Km) in grado di sprofondare al punto di raggiungere il mantello e consentire così l’emersione dei diamanti in superficie.

Le altre teorie risultano tutte poco credibili e prive di riscontro scientifico.

Citiamo soltanto per dovere di cronaca quella che partendo dal ritrovamento di diamanti negli Stati Uniti, e precisamente nella regione dei Grandi Laghi, in depositi di ghiaia e argilla che risalgono all’epoca glaciale.

Si ritiene che tali diamanti siano scesi trasportati dai ghiacci dal Canada settentrionale, e precisamente dalla Baia di Hudson.

Questa, secondo gli studiosi, altro non sarebbe che la cicatrice lasciata sulla superficie terrestre dall’urto di un meteorite gigante.

Tale teoria è suffragata dal fatto che i diamanti rinvenuti in questa area non risultano cristallizzati nel sistema cubico ma bensì nel sistema esagonale.

Tale circostanza è la prova, secondo il parere degli scienziati, che tali diamanti non sono di origine terrestre ma che siano arrivati sulla terra probabilmente con lo stesso meteorite che portava con sé un altro passeggero di nobili origini: Il Platino.

Ed a questo punto la teoria si biforca in altre due del tutto contraddittorie.

Secondo la prima i diamanti si sarebbero formati per l’impatto del meteorite sulla superficie terrestre.

L’altra sostiene, con l’avallo di dati numerici, che per la sua enorme energia cinetica, il meteorite sfondò la crosta terrestre e penetrò nel mantello facendolo schizzare fino in superficie e portando con se i diamanti in esso contenuti.

Riteniamo che sia l’una che l’altra non siano che il frutto di una fantasia che ben poco ha a che fare con la realtà.

Crediamo invece che, vista la presenza in queIl’area di diamanti cristallizzati anche nel sistema cubico,  l’unica spiegazione plausibile circa i diamanti trovati negli USA è che sotto i depositi glaciali esistono dei coni di kimberlite, ancora tutti da sfruttare, che in epoca remota hanno portato in superficie i cristalli di diamante.

Tale ipotesi risulta per altro confermata dai segni lasciati nel terreno dal ritiro dei ghiacciai proprio là dove tali diamanti sono stati rinvenuti.

Categoria: Diamanti in Blister | Nessun Commento »

:I Diamanti venuti dalle Stelle. :I Diamanti venuti dalle Stelle. :I Diamanti venuti dalle Stelle.

Commenti