« | Home | »

Dolce & Gabbana Jewellery: tra sacro e profano

Autore: Fabio Dell'Orto | 27 marzo 2012

Il mondo dei gioielli in oro vede arrivare la prima collezione creata dal duo Domenico Dolce e Stefano Gabbana, la quale si distingue sin da subito per la sua originalità e la scelta degli elementi utilizzati. Si tratta infatti di un’affascinante fusione tra fede e lusso sfrenato, che impiega come elementi principali croci e piccole medaglie con madonnine.

Dolce & Gabbana Gioielli

Un modo totalmente nuovo di interpretare i gioielli grossi e vistosi che spesso abbiamo visto, in passato, al collo delle nostre nonne. Un’esaltazione e una testimonianza di fede che non esita a celebrare la bellezza dell’oro e delle pietre preziose.

Per rendere ogni donna unica, proprio come il gioiello che indossa. Via libera quindi a ben tre tonalità di oro, zaffiri, perle e rubini. Ben ottanta pezzi elaborati e creati con maestria, restando però sempre sobri ed eleganti, senza mai sfociare nel chiassoso o nel cattivo gusto.

Dolce & Gabbana Jewellery

Un trionfo di croci tempestate di gemme preziose, volti di Madonna in delicata ceramica e filigrana, usati come ciondoli per impreziosire una raffinata catena bizantina e rosari disseminati di giada nera.

Una linea di gioielli davvero sofisticata, che trasmette italianità da ogni punto di vista. Varia e ricca di dettagli, offre soluzioni diverse per ogni tipologia di donna, dalla più semplice alla più esigente. Con divertenti charms applicati a bracciali e collane, per un effetto elegante e raffinato; cuori, monete e chiavi portafortuna, per un risultato più easy e meno impegnativo. C’è n’è davvero per tutti i gusti.

Linea Dolce & Gabbana Jewellery

Emozione ed eleganza, per la prima collezione firmata Dolce & Gabbana, ricca di significato, di fede e suggestioni d’altri tempi. Per un ritorno “lussuoso” alla tradizione.

Categoria: D&G Jewels | Nessun Commento »

:Dolce & Gabbana Jewellery: tra sacro e profano :Dolce & Gabbana Jewellery: tra sacro e profano :Dolce & Gabbana Jewellery: tra sacro e profano

Commenti